Racconti

Verso Praga

Prima di attraversare il portone verificò di avere il cellulare nella tasca destra della giacca, la carta di credito e i soldi nel taschino interno e le chiavi in quello superiore…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 16 marzo 2018

Qwertyuiop

Anna spalancò le persiane della porta finestra che dava sul piccolo terrazzo e la luce si precipitò nella stanza, vivace e polverosa; si distese sul tappeto e invase la scrivania gettando dispettosi bagliori sull’austero schermo del computer.

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 16 febbraio 2018

 

Una banale lite tra moglie e marito

Si era lanciata verso l’ascensore che non era al piano e, senza esitare, aveva imboccato le scale ed era scesa a capofitto rischiando di sbagliare scalino e rotolare giù, magari uccidendosi da sola e sollevando lui da ogni colpa…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 19 gennaio 2018

Storia semiseria di un giovane brillante

Era un giovane brillante che faceva di tutto per apparire opaco e questo, a volte, gli creava un’inquietudine che sfociava in malumori improvvisi che scomparivano con la fugacità di un baleno. Era un maestro in mandare indietro stati d’animo che avrebbero potuto fornire qualche indicazione sul suo vero io…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 17 novembre 2017

Si chiama Gabriele come l’Arcangelo

“Si chiama Gabriele, come l’arcangelo. Gabriele Contini e come l’arcangelo è bello”. Quelle parole le ronzavano nel cervello come un insetto grasso e fangoso, pungevano ogni pensiero e lo facevano esplodere…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 20 ottobre 2017

Buon compleanno Rosanna

Aveva srotolato la pellicola trasparente per alimenti e, mentre la tagliava sull’orlo dentato della confezione, aveva provato una sorta di benessere, quasi di gioia…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 16 giugno 2017

Il suicidio

Le luci; di quella serata ricordava le luci ondeggianti delle candele sui tavoli e la larga distesa luminosa della città che ai margini si arrampicava, diradando, per le colline. Si stava bene sul terrazzo di quel ristorante, discreto, elegante; Marcello le aveva chiesto di sposarlo mentre i camerieri scivolavano silenziosi fra i tavoli…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 19 maggio 2017

In venti minuti

Irene attraversò la strada quasi correndo; non voleva arrivare, come al solito, giusto nel momento in cui l’autobus partiva o era appena passato. Alla fermata c’era un gruppetto di gente e dalle facce, annoiate e infreddolite, si capiva che aspettavano da molto. Bene, pensò Irene, vuol dire che non tarderà…

Pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale Clara Maffei il 19 aprile 2017